Make up, Reviews, Moda, Eventi

domenica 27 gennaio 2013

La nuova icona? E' Jolie Kujo, eroina manga vestita Gucci


Fantastica, ed in tutti i sensi, l'idea di Gucci per la primavera estate 2013: l'Oriente ispira colori e suggestioni, mentre l'estro creativo di Kirohiko Araki, famoso disegnatore di manga giapponesi, veste di contemporaneità e fiaba le creazioni della linea Cruise.

Frida Giannini, direttore creativo del marchio, ha dato una spinta energetica sicuramente positiva introducendo innovazione ed il giusto tocco di savoir faire fornendo fresco appeal alle nuove generazioni.

Colori accesi, anche declinati nel fluo, vestono l'eroina dei nuovi fumetti fashion Jolie Kujo, pronta a diventare nuova icona di riferimento per una generazione di adolescenti e post adolescenti che fanno del web e delle tendenze ampio uso e consumo. 

Un fenomeno che confina nel sociale, quindi, interpretandone i nuovi desideri di evasione pur immersi in una realtà urbana da vivere ogni giorno.

Il Manga allestisce le vetrine di 70 negozi sparsi per il mondo e racconta la storia della giovane Jolie Kujo che eredita un ricordo della collezione Gucci di sua madre.


Spinta dal mistero che lo avvolge, intraprende un viaggio che va aldilà del tempo e che ripercorre questa collezione. «Questa è senza dubbio una delle collaborazioni più divertenti a cui ho lavorato – dice Frida Giannini –. I personaggi che Hirohiko Araki ha ideato combinano l’energia, la sensualità e l’appeal che animano la mia collezione Cruise in un modo davvero divertente, irresistibile.

Sono certa che le sue installazioni fermeranno le persone al loro passaggio davanti alle vetrine dei nostri negozi di tutto il mondo, perché s’immergeranno nel mondo fantastico che ha creato». 


La storia Manga, inoltre, sarà pubblicata in versione completa sul magazine giapponese Spur e sulla pagina Facebook di Gucci.



Share:

mercoledì 23 gennaio 2013

L'esercizio della gentilezza


L'esercizio della gentilezza andrebbe praticato. 
Andrebbe studiato, compreso, assimilato. E poi andrebbe messo in pratica.
Non serve mandare commenti e cuoricini sui social network, non ha senso fare il regalino a Natale perché va fatto, non è utile mandare gli auguri per il compleanno se non sono sentiti davvero. Non serve dire "ti amo" o "ti voglio bene" e restare chiusi nel proprio conforme conformismo.
Non serve.
Odio il buonismo a prescindere, amo i rapporti diretti, sinceri, freschi e anche non di giornata: una amica che non vedo e non sento da anni se mi cerca sa di trovarmi, se è in difficoltà sa che non la mollerò o, se ha qualche dubbio, solitamente le passa. Se ricevo un sorriso ne ricambio due, se una commessa è stanca e vedo nei suoi occhi lo smarrimento di un giorno di lavoro e la pesantezza di arrivare alla fine del turno non infierisco, aspetto, le sorrido, la capisco, le parlo.
Ma non è nulla di strano! Non sono affatto speciale, io, non è una pratica che devia dal normale essere civile. 
Mi stupisco, piuttosto, del contrario. Mi guardo attorno e vedo tanta rabbia e troppo egoismo. Anche l'amicizia non può essere tale se non si accettano le caratteristiche personali, le debolezze reciproche. E che dire di chi incontri per caso, degli sconosciuti? 
Mi è capitato di entrare in un negozio e di sentire una cliente apostrofare con toni pesanti la giovane commessa. Quando la cliente è uscita, la ragazza si è lasciata andare ad una espressione di dolore. Mi sono messa a parlarle, era quasi ora di chiusura ed il negozio era vuoto,  mi ha chiesto se mi facesse piacere farmi fare una veloce seduta di trucco, una prova ombretto. Questo, ho capito, era il suo modo per rilassarsi e per restituirmi a suo modo quel qualcosa di buono che le avevo trasmesso. Per questo fra noi si è creata una bella complicità e ci siamo dimenticate in fretta della scortesia che aveva subito per gran parte della giornata. Ho scritto "gran parte", perché quella ragazza mi ha confidato che la maggior parte dei clienti sono così, incontentabili, scorbutici, maleducati. Non potevo crederci. "E perché mai si comportano così?" le ho chiesto. "Non lo so" è stata la sua risposta, "forse sono nervosi perché siamo sotto Natale, o sotto i saldi, o perché c'è crisi, non si trova parcheggio, hanno litigato con il fidanzato o l'amante o la moglie..." Ma, dico, scherziamo?
Perché ci facciamo del male l'uno con l'altro? Perché riversiamo le nostre frustrazioni sul prossimo nostro che è come noi stessi?
Sicuramente mi sforzo di non essere sgradevole, e magari facendolo sbaglio perché esagero. Ma so che gli altri vanno ascoltati, capiti. E reagisco all'arroganza, alla meschinità, alle imposizioni, al buonismo, alla falsità! 

Ma provate a guardavi attorno, vedete quanta gelosia? Vedete quanta cattiveria gratuita?


A me piace lo scambio di energia positiva, la comprensione, ma tutto questo non deve essere scambiato per altro, ovvero per debolezza o mancanza di carattere. Perché è altro da questo. L'esercizio della gentilezza è l'essere consapevoli che se noi critichiamo qualcuno, quella stessa persona magari in quel momento sta male e noi non lo sappiamo.  
L'esercizio della gentilezza è non giudicare.

Pensiamoci ogni tanto, non fa male ed è gratuito.
Anche in tempi di crisi.

Yuri Beretta - Natale è per sempre- 
Ultimo cd: L'esercizio della gentilezza


Share:

martedì 22 gennaio 2013

Saldi: primo resoconto e le dieci regole d'oro da seguire


Nonostante il freddo ed un accenno di nevischio che domenica scendeva in città, lunghe colonne di auto hanno invaso i centri commerciali ed accaparrato i posti dei parcheggi liberi sino a rendere impensabile trovare un posto libero. Colpa dei saldi, che nonostante - o forse proprio a causa della - crisi economica, hanno sovvertito un po' le regole degli italiani. 
Quindi non più al cinema la domenica pomeriggio se piove e la colonnina di mercurio scende ma la ricerca del prezzo basso ad ogni costo. 
Ammetto di essere incappata anche io nella rete e di avere fatto una considerevole ma necessaria scorta di utili acquisti nel campo dell'intimo, Tezenis offriva sconti del 50 percento su canotte, slip e quant'altro quindi perché non approfittarne? Ho scelto soprattutto le linee di slip e canotte più giovani e baby.


Tra gli altri, quasi tutti i negozi hanno ribassato i prezzi del 20, 30 e del 50%. Sarà che per principio, se non vedo un bel 50 tondo non compro, anche da Bata ho trovato sconti interessanti; peccato siano applicati su scarpe a mio avviso inindossabili (odio le scarpe effetto ortopedico, tutta zeppa, senza tacco seppur considerevolmente alte: le trovo antiestetiche e davvero brutte). Tra gli altri articoli, qualche stivaletto sinceramente importabile e misure al di fuori del mio canone (pur essendo altina ho un misero 38 e tra le misure solo dei "cenerentoliferi" 35 per passare subito ai 40 e 41). 
Argomento borse e accessori: altri bei ribassi da Carpisa, peccato la qualità lasci a volte a desiderare. Per ben due volte ho approfittato della stagione dei saldi per acquistare in modo recidivo un portafoglio che a distanza di qualche giorno perdeva regolarmente qualcosa: il loghino in metallo (sarà poi metallo?) oppure si scollava la tela all'interno dello scomparto banconote, o ancora i bordi in similpelle o similplastica o simil qualcosa si sgretolavano. Che strazio! Quindi, adieu portafoglio Carpisa. 


Tra le borse, molto invitanti le versioni by Custo Barcelona, sia nella declinazione bordeaux che prugna e blu. Ma per il momento nonostante lo sconto del 50% ho lasciato il tutto in stand by.
In profumeria i prezzi continuano ad essere altini, aspetto ancora un po' per tornare a far visita ai miei stores preferiti, mentre in fatto di abbigliamento le marche medio alte continuano ad essere carucce per cui , anche in questo caso, preferisco aspettare ribassi più importanti.


Un bell'acquisto che sono felicemente riuscita a portare a termine è stato un abito che sembra fatto su misura per i miei gusti del brand  M Milano. Scontato del 50 per cento, maniche corte, vita alta stile impero, corpino nero e collo ad anello, gonna fantasia grafica nelle declinazioni del beige e del grigio. La fantasia esiste in due versioni, anche in blu e verde. Bello e di classe.


Vi lascio con il vademecum stilato da Adiconsum, che ha aperto anche un gruppo su facebook chiamato SOS SALDI. Basta cliccare per fare segnalazioni e ricevere utili consigli. Nel frattempo, leggete qui sotto e traetene dritte preziose per i vostri acquisti.

Alla prossima!



Le 10 regole da seguire per non incappare in brutte sorprese:


1. Sull'articolo in saldo deve essere sempre riportato il prezzo d'origine non scontato, la percentuale di sconto applicata e il prezzo finale.
2. Attenti agli sconti esagerati: tagli di prezzo del 50-60 per cento nascondono spesso merce non proprio nuova.
3. Attenzione alla merce venduta a prezzo pieno insieme alla merce scontata.
4. Confrontare i prezzi di più negozi.
5. Verificare che il prodotto offerto in vetrina (oppure on site, nel sito della catena) sia lo stesso venduto in negozio.
6. I negozianti sono tenuti ad accettare i pagamenti con carta di credito anche durante i saldi.
7. Occhio ai capi da acquistare senza poterli provare: il commerciante può consentire o meno di fare provare la merce, ma se lui non si fida di voi, perché voi (che pagate) dovreste dagli credito?
8. La merce difettosa va riconsegnata entro 2 mesi dalla scoperta del difetto. Non si può sostituire merce se avete cambiato idea su colore o modello.
9. Conservate lo scontrino fiscale per l'eventuale restituzione degli articoli acquistati. 
10. Se insorgono problemi con il venditore, rivolgetevi alla Polizia Municipale o alle associazioni che tutelano i consumatori.



Share:

giovedì 17 gennaio 2013

Make up metal e luminoso: il trend continua

Dopo una stagione all'insegna dei colori fluo- pop e sgargianti, per l’inverno 2013 le tendenze trucco si sono fatte e continuano a restare dark e metallizzate, seppur con tocchi significativi di colore.

Trucco Shiseido

Sulle passerelle delle sfilate e nelle palette dei marchi più conosciuti, abbiamo visto e vedremo - sono queste le settimane di maggiore fermento a Milano per la moda - trucchi dal sapore orientale che richiamano le raffinate tonalità delle geishe giapponesi. In attesa di scoprire e vedere cosa proporranno i brand per il trucco primavera- estate e per il prossimo inverno, ecco alcuni suggerimenti su come avere e mantenere un make up attuale ed in linea con le offerte che propongono i marchi migliori del settore.

All’insegna dell’eleganza orientale, ecco ombretti perlati ed iridescenti nei colori del rosa, del viola scuro e del blu Cina che possono essere applicati sia asciutti che bagnati. 
Pupa ha creato una intera collezione all'insegna del trucco da "bambola cinese", China Doll



Per il viso, blush effetto “bonne mine” rosa e porcellana e ciprie per ottenere un incarnato compatto e luminoso. Per le labbra, virata decisa sul rosso in tutte le sue sfumature, da quello più acceso a tonalità più cipriate.
Ma la vera novità che ha avuto seguito a partire dallo scorso autunno è il trucco effetto metallizzato, proposto da tutte le case di moda.
Per gli occhi un “must- have” è lo smokey eyes, nero sfaccettato e ricco di sfumature mixato con colori metallizzati: verdi iridescenti, oro scuro o blu accesi. L’effetto può essere creato applicando un matitone nero sulla palpebra mobile, sino alla piega dell’occhio. 
La matita nera va invece passata sia sopra che sotto l’occhio, dentro e fuori. 
Per la sera ed un tocco più sofisticato scegliete un ombretto blu metal nell’angolo interno dell’occhio, per poi applicare un colore verde metal sul resto della palpebra. L’angolo esterno dell’occhio può essere messo in evidenza con un ombretto bronzo o dorato.
Le ciglia finte per la sera sono d’elezione, per comodità si può optare per un mascara extra allungante e volumizzante dopo avere curvato le ciglia con il piegaciglia. 
Per il viso la base deve essere satinata; molto attuale la cipria nella versione polvere di riso, chiara e trasparente. Per i contorni si può scegliere tra una terra chiara biscotto o per il blush in tonalità rosate. Con un trucco occhi smokey meglio non mettere troppo in evidenza le labbra, che possono essere declinate nei toni del beige nude o del gloss rosa. Se volete osare, ma solo per la sera, scegliete tra un rossetto metallico nei colori dal rosso al prugna al viola.


Un tocco in più per un effetto splendore

Per completare l’effetto metal e luminoso, sono in commercio smalti laccati, ultra brillanti e ricchi di glitter che contengono polveri di pietre preziose ricche di oligominerali che donano lunga tenuta e luminosità totale. I colori più trendy sono il bordeaux-marrone, il verde muschio, il blu-viola ed il caramello. Per il corpo, una soluzione effetto luce e splendore è la polvere glitter trasparente da applicare con un comodo applicatore roll on su viso e corpo.  Anche le matite per occhi si fanno metallizzate e argentate, mentre l’eyeliner contiene glitter preferibilmente nei colori argento, bianco, blu o viola. Per le labbra gloss a lunga tenuta nei colori corallo, rosa antico, malva scuro e bronzo. 
Share:

mercoledì 9 gennaio 2013

Bellezza di notte: come prendersi cura della pelle dalla punta dei piedi a quella dei capelli soprattutto di notte!

Audrey Hepburn in "Colazione da Tiffany"

La nostra pelle ha sempre bisogno di essere idratata, ma la notte può essere considerata il momento d’elezione per prendersene cura e rigenerarla. Infatti è proprio mentre dormiamo, in particolare fra le 23 e le 4 del mattino, che la pelle è più ricettiva ai processi di rigenerazione: la produzione di collagene aumenta ed i radicali liberi hanno vita più difficile. Senza contare che la notte la pelle è libera dal trucco (per questo è sempre indispensabile struccarsi!) i pori respirano e sono pronti a meglio assorbire i trattamenti.

Oggi la ricerca scientifica ci ha dotati di numerosi prodotti altamente idratanti ed antiage, rivolgendosi alle donne di tutte le età con texture che si prendono cura di tutto il corpo, capelli inclusi: le ultime creme “all over” che si stendono prima di andare a dormire sul viso, su tutto il corpo e sulla chioma ne sono un esempio. Ottimo a questo proposito è Head to toe hydrator di Sephora: da applicare, come crema o come maschera, sul viso, sul corpo, sulle mani e anche sulla punta dei capelli. La sua texture ricca e non grassa è adatta a tutte le pelli, anche a quelle sensibili. Dona un'idratazione immediata grazie agli esclusivi ingredienti di origine naturale selezionati da Sephora: ultra-idratanti, rendono la pelle morbida e garantiscono un comfort perfetto.


Le prime mosse da fare per predisporre al meglio la pelle del viso al riposo e alla rigenerazione sono: struccarla sempre accuratamente (latte e tonico possono andare, ma anche le formulazioni in gel o mousse da risciacquo sono ottime, soprattutto per le pelli miste o grasse) stendere un prodotto mirato per il contorno occhi, uno per il contorno labbra ed una crema per il viso, che va applicata anche sul collo. Il contorno occhi è la parte più delicata del viso, se si dorme male appaiono borse e occhiaie e si segna facilmente con l’età, ecco perché va sempre utilizzato un prodotto che si prenda cura di questa parte del viso in cui la pelle è più sottile e sollecitata (pensate che ogni giorno si contano 100 battiti di ciglia!).


Tra i prodotti in commercio si può scegliere tra formule drenanti e decongestionanti o altre riempitive per le rughe. Chi ama trattamenti più sbrigativi può scegliere il roll on, altrimenti le creme o, per un’azione più mirata, i patch, simili a cerotti che si tengono in posa come una maschera.



Per le labbra quello che conta non è solo l’idratazione, ma anche la cura del loro contorno con prodotti riempitivi e leviganti, che minimizzano le piccole rughe (se fumate siete più predisposte alla comparsa di rughe e rughette in questa zona).


Se avete la pelle impura o grassa è consigliabile usare texture più leggere in gel o in formulazione liquida; tra gli antietà in commercio si trovano sieri concentrati molto efficaci. Per gli altri tipi di pelle, è preferibile unire al siero un velo di crema con proprietà idratanti, antiossidanti e, per chi ha superato i 30-40 anni, dal potere riempitivo e antirughe. Tra i prodotti che consiglio, alcune creme da notte di ultima generazione che riducono l'accentuarsi dei segni d'espressione, uniformano il colorito e proteggono le cellule staminali cheratinocitarie, le cellule di Langherans e le terminazioni nervose cutanee, responsabili del rinnovamento dermico, prevenendo anche la comparsa di macchie cutanee (ottima è la linea Multi-Régénérante di Clarins).



Ultimo tocco, i capelli: di notte anche le fibre capillari sono più ricettive, ecco perché si possono usare prodotti da spruzzare prima di andare a dormire che nutrono in profondità e che non lasciano segni sulle lenzuola.

LA NATURA NEL VASETTO


Tra i prodotti in commercio si stanno facendo sempre più strada quelli a base naturale o biologica. I principi attivi contenuti sono naturali e molto efficaci. La pappa reale è uno di questi elementi d’elezione: il suo forte potere nutriente ed idratante fa sì che venga impiegata nei trattamenti antietà e per pelli secche. Altro elemento naturale e altamente nutritivo è il burro di karitè, dalle proprietà emollienti, lenitive, idratanti. Contiene vitamine A, D ed E ed è usato anche come doposole e contro le lievi scottature. Alcuni principi attivi contenuti negli zuccheri inoltre sono utilissimi antietà: agiscono sul derma papillare riattivandolo, rimpolpano le rughe e ne limitano la ricomparsa. Molto importante è anche il modo in cui si applica la crema: massaggiatela bene sul viso facendo dei movimenti dal basso verso l’alto, dal collo alla mascella e da questa agli zigomi.


Share:

sabato 5 gennaio 2013

Make up multifunzione, quando il trucco è curativo



Icona della campagna make up Guerlain

Un prodotto in crema multifunzione. Questo il futuro ed il presente del make up. 
Texture cremose versatili da applicare con un pennello o con le dita, rendendo fondente la consistenza del prodotto. Si tratta dei nuovi “all over”, così denominati perché possono essere usati sia su guance e zigomi che su palpebre e labbra. Anche il correttore non ha una sola funzione: oltre a nascondere occhiaie ed imperfezioni, diventa curativo: agisce in profondità grazie ad un complesso che stimola la microcircolazione. Vi consiglio una tonalità beige chiaro per occhiaie tendenti al verde e naturale per quelle tendenti al violaceo. Esistono molti tipi di correttori in commercio, ma quello che ritengo più innovativo è in polvere-crema, compatto, molto chiaro, con una formula contenente pietre preziose come tormalina e malachite che catturano la luce e coprono macchie ed occhiaie, dando al viso un finish uniforme e levigato. Anche per il trucco occhi esistono ombretti che possono essere usati per esaltare e dare più risalto alla linea delle sopracciglia. Sono di tendenza infatti  le sopracciglia folte, marcate e definite. Con un solo prodotto, un ombretto – duo,  potete colorare le palpebre e allo stesso tempo usare il colore più scuro per le sopracciglia.  Un altro prodotto-novità è in commercio con un nome che richiama la Passione. E’ contenuto in un boccettino di vetro trasparente e la sua funzione base è il rossetto. Ma basta cambiare applicatore che diventa gloss, blush cremoso e persino mascara, da applicare sulla parte finale delle ciglia sopra ad una base nera. La nuance più di moda è di un rosa fucsia, molto acceso! Per le labbra, uno stick multiuso si dedica sia all’idratazione, sia al colore. Lo stick è dotato di due applicatori alle estremità ed è molto pratico.    

Il Primer che "cura"


Photo from theplasticdiaries.com

Si stanno moltiplicando i prodotti studiati per preparare la pelle al make up. Ma i cosiddetti primer si modernizzano e si fanno versatili. Ecco quindi prodotti che, oltre alla classica funzione di levigare la pelle minimizzando pori e rughette, sono anche curativi. Oggi l’accento è sulla carnagione perfetta, senza macchie e satinata. Ecco perché i primer sono composti da potenti attivi che agiscono in sinergia per rendere l’epidermide il più uniforme e levigata possibile. In gocce o applicati con un batuffolo di cotone, sono altamente performanti. E poi invertite le regole: la nuova tendenza fa applicare assieme primer e fondotinta, mescolati, e solo dopo il correttore. Per un effetto luminosità a 360 gradi. 

Share:

mercoledì 2 gennaio 2013

Mercatini da scoprire: Roma, Piazza Navona



Buon 2 gennaio a tutti! Oggi ho deciso di fare una visita in quel di Roma e di proporvi una delle tante attrazioni che in questi giorni di festa si possono vedere per le vie della Capitale. Supportata dalla collaboratrice Ilaria Degl'Innocenti ecco quindi un resoconto di ciò che offre un angolo caratteristico e particolarmente conosciuto di Roma: Piazza Navona.

Passeggiando per le vie del centro si possono visitare i classici mercatini per le feste. Ma soprattutto per l'Epifania, quello di Piazza Navona è sicuramente il mercatino da consigliare a chi ama i prodotti artigianali e lo shopping.
Passare in Piazza per le feste è diventata ormai una moda, un evento irrinunciabile. E' una tradizione che va avanti da ormai oltre cento anni ed è praticamente imperdibile, non solo per i romani - mi ricorda Ilaria- ma anche per chi si trova in centro o anche solamente per una breve sosta di passaggio, oppure per chi è in vacanza.

La buona notizia è che fino al giorno dell'Epifania è possibile visitare le pittoresche bancarelle ricolme di addobbi, dolciumi e di oggetti di ogni tipo.

In lontananza un musicista di strada intona con la chitarra canzoni di natale, i bambini si divertono sull'antica giostra dei cavalli posizionata al centro della piazza ovale.

Un'armonia di suoni e colori invita ad avvicinarsi, soprattutto ai manufatti artigianali e ai venditori ambulanti di dolciumi.

Le fontane sono, specie dopo il tramonto, un suggestivo corollario dal sapore antico che ricorda gli antichi mercati rionali del secolo scorso.

Ma la caratteristica che rende unico questo mercatino non sembra essere solo la disposizione dei banchi, ma anche la presenza degli artisti di strada che rendono l'atmosfera molto familiare, come una invisibile melodia in moderato-andante di un film d'epoca. 


Grazie ad Ilaria che ci ha fornito questo spaccato di vita romana, buone feste!

Altre foto:










Share:
© Non solo vestita | All rights reserved.
Blogger Template Developed by pipdig